Differenze meningite: quali sono le forme più temute di meningite?

In questi giorni si è molto discusso di una patologia che, nella sua forma più grave, può essere letale: il caso relativo alla maestra di Roma, deceduta proprio a causa della meningite, ha fatto immediatamente lanciare l’allarme che tuttavia è fortunatamente rientrato dopo aver individuato la causa che ha scatenato la malattia nell’insegnante di 59 anni. In questo caso, infatti, non si è trattato della classica meningite da batterio meningococco di tipo C, ma una forma prodotta dall’Escherichia Coli, e pertanto dannosa ma non contagiosa da persona a persona.

Le forme più temute di meningiteQuali sono, allora, le forme più temute di meningite e a cosa bisogna prestare attenzione nella situazione attuale? Secondo gli esperti di malattie infettive, le forme di meningite possono essere virali (quindi più o meno gravi), o batteriche, tendenzialmente più aggressive e quindi anche possibilmente mortali.

La forma più temuta in assoluto è la meningite batterica da meningococco, seguita da quella da pneumococco: bisogna tuttavia dire che in entrambi i casi, è possibile prevenire queste forme gravi attraverso la vaccinazione. Il caso che ha colpito la maestra di Roma è stato un po’ diverso: la donna, infatti, è stata dapprima colpita da Escherichia Coli, che si trova naturalmente nell’intestino delle persone e che solo in alcuni casi, molto rari, può determinare conseguenze anche mortali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Tradizioni Capodanno: quali sono le più particolari

Sab Dic 31 , 2016
Paese che vai… usanza che trovi! Anche per quel che riguarda le modalità con cui le varie popolazioni del mondo salutano l’arrivo dell’anno nuovo, festeggiando un passato che viene letteralmente gettato via: così come accade […]
Tradizioni Capodanno