Giovane mamma critica su Facebook il lavoro trovato e viene licenziata

Quanto si può essere sciocchi per ignorare ancora la forza che hanno le parole scritte sui social network? Kaitlyn Walls lo ha imparato a sue spese

La 27enne texana Kaitlyn Walls ha imparato a sue spese quanto sul serio venga preso tutto ciò che si dichiara sui social network, e se, sotto il suo post, qualcuno ha commentato che è stata stupida a fare certe esternazione non può che essere d’accordo.

Si lamenta su Facebook e perde il lavoroLa giovane mamma single era disperatamente alla ricerca di un lavoro con cui potesse accudire al meglio la sua bambina, ma quando il lavoro è arrivato invece di gioirne è andata immediatamente a lamentarsene su Facebook con un post in cui diceva chiaro e tondo che lei odiava quel tipo di lavoro.

Un atteggiamento così strafottente non è piaciuto affatto a chi le aveva dato una possibilità assumendola e la sua mancanza di gratitudine le ha fatto ottenere un record che sicuramente non desiderava: è stata licenzia prima ancora del suo primo giorno di al lavoro. Kaitlyn ha pagato la sua ingenuità ed è stata anche fortemente insultata sulla propria pagina Facebook anche da perfetti sconosciuti che, anche se lei ha fatto male solo a se stessa, non hanno accettato la sua strafottenza.

Una volta intervistata Kaitlyn ha dichiarato: “Avevo proprio bisogno di quel lavoro. Sono una mamma single, sto cercando di farcela da sola.[…] Pubblicare quel post è stato un grosso errore, non mi aspettavo reazioni tanto negative. Ora ho imparato la lezione: non pubblicherò mai più una cosa del genere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Nasi elettronici montati su treni australiani per cogliere i writer sul fatto

Ven Mag 15 , 2015
Ripulire i treni dai graffiti costava all’azienda ferroviaria e ai contribuenti australiani milioni di euro che adesso verranno addebitati ai teppisti I graffiti sono una forma d’arte moderna che può rivalutare completamente il paesaggio urbano […]
Treni australiani tecnologici