Permuta auto usate: come funziona, perché conviene

Sostituire la vecchia vettura è sempre una spesa importante, che è bene effettuare con attenzione. Negli ultimi anni sono numerosi gli incentivi offerti dalle case produttrici, che spesso però comprendono la necessità di rottamare l’auto vecchia, quella che si consegna in cambio del nuovo modello.

Un’altra opportunità riguarda invece la permuta dell’auto usata, da effettuare sia per ottenere un nuovo modello, sia per avere uno sconto importante sulla scelta di un modello usato, ma più grande o con una percorrenza inferiore.

Come funziona la permuta

Perché preferirla
Dove si effettua

La permuta auto usate a Milano è proposta da alcuni concessionari e rivenditori multimarca che sono spesso quelli che si occupano anche della commercializzazione di occasioni con garanzia, piuttosto che km 0 , oppure nuove in offerta ed in alcuni casi, anche noleggio a lungo termine.

Permuta auto usateLa proposta è abbastanza lineare: il cliente offre l’auto che possiede, come acconto su un’altra vettura a sua scelta. Lo sconto sarà pari al valore del vecchio modello; ovviamente più il valore di tale modello è elevato e maggiore sarà lo sconto.

Per chi decide di scegliere un’altra auto di seconda mano per lo “scambio”, o anche per tutti coloro che possiedono una vettura ancora in ottimo stato, quindi che non sia pronta per la rottamazione, si tratta di una scelta decisamente interessante. Consente infatti di ottenere un riconoscimento economico sulla vettura che si consegna al concessionario, congruo al valore della stessa.

Permuta con conguaglio

Permuta senza conguaglio
La burocrazia

Ci sono poi diverse tipologie di permuta, che dipendono essenzialmente dal valore del mezzo che si consegna, e dal suo confronto con quello dell’auto che si sceglie. Chi decide di lasciare al concessionario un’auto di valore inferiore rispetto a quella che sta per ricevere, dovrà saldare la differenza tramite conguaglio.

Il valore dell’auto scelta, meno quello dell’auto vecchia, in questo consiste essenzialmente il conguaglio. In alcune situazioni però la permuta avviene senza conguaglio, si tratta di una sorta di scambio alla pari.

In effetti non è necessario che il cambio di vettura avvenga tra due modelli che hanno valore diverso; ad esempio un cliente può decidere di sostituire il suo SUV leggermente datato con un’utilitaria di pari valore, ma leggermente più nuova. In questi casi è importante considerare che si dovrà comunque effettuare il passaggio di proprietà, che ha un costo non eccessivo, ma comunque significativo.

Permuta tra privati

Le problematiche
L’usato garantito

Per quanto riguarda la vigente legislazione, risulta a tutti gli effetti possibile effettuare una permuta di autovetture anche tra due soggetti privati. Ci sono però una serie di problematiche che rendono questo evento poco probabile, nella realtà. Il primo riguarda il fatto che tutte le questioni burocratiche saranno da effettuare completamente dai due privati cittadini, con enorme perdita di tempo.

Oltre a questo non è quasi mai conveniente fare una permuta con un privato per un’auto usata. Presso le concessionarie infatti le auto di seconda mano devono obbligatoriamente essere garantite per almeno 12 mesi, cosa che un privato non ci potrà mai proporre. In sostanza un’auto usata dal concessionario è di certo stata controllata e in perfetto stato di manutenzione, conviene sceglierla se ci interessa il modello e il prezzo e non dovremo temere alcun tipo di problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

BMW a km 0: cosa sono, perché sceglierle

Sab Nov 21 , 2020
Ormai da alcuni anni un elevato numero di italiani predilige le BMW di seconda mano a quelle nuove. È una realtà ormai consolidata: ogni anno in Italia sono circa il 50% coloro che preferiscono scegliere […]
BMW a km 0